IL CUORE DELL’EROE

 

s_trilogia aton1

s_trilogia aton2

s_il cuore dell'eroe

 

 

 

 

 

 

 

Finalmente è stata completata la “Trilogia di Aton” (scritta con lo pseudonimo di Gordon Magloire, vale a dire il leprecauno irlandense che è stato catturato contro la sua volontà da una ragazza italiana, Anita, che ha strani poteri di cui in parte è inconsapevole)  ed è uscita completa in edizione tascabile nella nuova collana  “Tascabili ragazzi” della Giunti.

burren_2

Nel primo volume “L’ultimo sortilegio”

Conosciamo i protagonisti della storia: oltre Anita e Gordon (narratore della storia) , ci sono due entità magiche e fantascientifiche insieme, la Gran Dama  e L’Eroe Tenebroso, che per i loro vari motivi, s’interessano molto a quello che fa il nostro leprecauno.  Si  avvia così la ricerca del potente ‘dono di Aton’, antico strumento magico, forse prodotto da una civiltà aliena, in grado di assoggettare gli umani (risalente agli Egizi che forse lo usarono per indurre gli schiavi a creare le piramidi), scomparso dalla casa di Anita insieme a Gordon e Pedro, un jinn assai potente, a causa dello scatenarsi dell’ultimo sortilegio delle Fate, detto di Baranor, da parte del leprecauno Gordon per salvare Anita e il dono stesso dal malefico influsso di Pedro. Pedro infatti è un jinn, cioè un misto tra un demone e un umano, obbligato alla missione del recupero del Dono di Aton a favore della Setta dei Tre Re dall’Eroe Tenebroso, in lotta con la Gran Dama, entrambi entità misteriose oltre la scienza e la magia.  Vediamo alla fine del primo volume i due antagonisti, Pedro e Gordon, fuori gioco entrambi, ma, scopriremo, solo temporaneamente. Mentre Gordon è sepolto sotto il Burren in Irlanda, Pedro è rinchiuso nei sotterranei dell’antico quartiere islamico-zigano dell’Albaycin a Granada. Da qui partono le avventure del secondo volume.

granada

 

Nel secondo volume “Il passato che brucia”

Un gattone viene adottato dalla nonna di Anita ma in realtà è Faradock, un giudice del Tribunale delle Fate venuto a processare Gordon, che si è liberato dalla prigione nel Burren dove era stato confinato dalle Fate grazie al suo giovane amico Brendan sotto forma di gatto. Questa volta quindi Gordon deve raccontare tutta la storia del secondo volume a Faradock e così narra che Pedro ha scoperto un varco spazio-temporale e ha trascinato con lui Theo, inviato dal padre di Anita a sorvegliarlo,  indietro nel tempo alla Granada del XV secolo. Qui Pedro conosce Baltus, un fedelissimo dell’ultimo discendente dei Visigoti, Walia, che secondo lui sarebbe proprio Pedro. Intanto Anita è andata in Basilicata per vedere suo padre, lo scienziato Sketla, che è inseguito dalla Setta dei Tre Re.  Anita incontra il padre, ma rimane molto delusa dal suo cinismo e dalla sua reticenza sulle sue pericolose ricerche. Gordon parte  invece per  Colonia in  Germania con il prof. Corrao, amico di Anita, e Alberta, interessati alla ricerca sul dono di Aton e lì la Gran Dama appare a Gordon sul fiume Reno e lo avverte di un agguato imminente,  ci sono infatti dei terribili demoni in arrivo: una ragazza che non è una ragazza e due mostri alati. Alla Cattedrale  incontrano padre Athanasius, strana e gradevole  figura di sacerdote che spiega loro la storia  dei Re Magi a cui la Setta si rifà. Gordon incontra uno dei tre re della Setta, Melkon, che spiega che lo scopo della Setta è recuperare i ‘doni’ che legano il materiale e l’immateriale. Si è capito allora che i re della Setta sono  maghi con poteri sui demoni. Baltus intanto ha ritrovato un’antica cassetta dove era conservata la corona di Ardon, e decide che dovrà essere consegnata a sua figlia se lui dovesse morire. Theo è costretto a uccidere Baltus che si è trasformato in un demone fuori controllo. Theo va a Toledo a cercare la figlia di Baltus, Galsuinda per consegnarli la cassetta con la corona. I due rimangono entrambi molto colpiti l’uno dall’altro in una sorta di folgorazione amorosa. Poi però Galsuinda scoprirà che Theo ha ucciso suo padre e decide di odiarlo. Gordon alla fine ottiene la sua liberazione dalle accuse di Faradock per insufficienza di prove.

visigoti

Nel terzo volume “Il cuore dell’eroe”

Il terzo volume della saga condotta dal divertente e irritabile leprecauno Gordon, conduce i nostri eroi ad affrontare ostacoli, sempre più ardui, prima di riuscire a trovare il pericoloso dono di Aton e distruggerlo. Anita, accompagnata dai paladini del padre, lo scienziato Sketla,  e Pedro, di cui ormai si conosce la  misteriosa origine come principe visigotico, dovranno affrontare  un altro più potente demone, Carlos, inviato dalla Setta dei Tre Re, desiderosa d’impadronirsi del dono di Aton. Ma soprattutto Gordon scoprirà che l’amico che l’ha salvato dalla prigione del Burren, è in realtà il più pericoloso dei suoi nemici. Anita giura eterno amore a Pedro, che a sua volta le promette che si riscatterà dal male e si convertirà al bene, anche se sa di non poterlo fare finché è schiavo dell’Eroe Tenebroso. Anita convince Pedro ad andare al Lago di Pilato ad  assistere insieme alla “discesa delle fate”. Tra le fate ce ne è una che parla con loro e che fa una specie di profezia su Pedro dicendogli che dovrà “morire” per perdere la sua parte di demone. Pedro in base alla promessa fatta ad Anita chiede aiuto  a Ma-Yo che lo ha seguito fin lì per  eliminarlo e chiede di sottoporlo al suo bacio mortale che gli farà sicuramente  perdere parte dei suoi poteri relativi  alla sua natura di demone…Gordon intanto dovrà  vedersela anche con   una bellissima ragazza scozzese, Deirdre, che non è certo una tipa qualsiasi: è una “fata-strega”, inviata dalla Gran Dama a controllarli. Gordon suggerisce ad Anita di sostituire il cuore di Pedro con quello del famoso condottiero Bertrand du Gaesclin, custodito a Dinan nella la Basilica di Saint Saveur. Anita dice che andrà a prenderlo insieme a Ma-Yo. Però il fantasma di Bertrand per cedere il suo cuore vuole in cambio un suo bacio. Quel bacio però le costerà un lungo pezzo di durata della sua vita, che così diventerà più breve. Il cuore di Bertrand servirà per placare l’ira del Re delle Fate, che minaccia di punirli tutti. L’ambiguo Brendan salverà Anita dalla perdita di anni di vita. Ma quando verrà Odin con la sua muta di molossi neri a reclamare la Spada Bianca della Luce potrà fermarlo solo il Re delle Fate.

PASSAGGI mostra di opere di Maria Carla Mancinelli e di Massimo Melloni

collage 'passaggi'

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pitture e sculture di  Maria Carla Mancinelli e Disegni e sculture di Massimo Melloni

A cura di Stefania Fabri

 Galleria “Il Laboratorio”

Via del Moro, 49 – Roma

 Inaugurazione martedì 30 giugno 2015 ore 18.30-21

Finissage domenica 5 luglio  2015 ore 11-21

 Orari merc. giov. ven. sab. 18.00-21.00

 

La mostra “Passaggi” propone altri nuovi lavori di due artisti, Maria Carla Mancinelli e Massimo Melloni, che già hanno presentato insieme la mostra “Apparenze”. Non a caso si ripropone questo abbinamento, malgrado gli stili diversi, per una straordinaria coincidenza, che riguarda da un lato la tematica dei ‘passaggi’, che Walter Benjamin ha così bene illustrato non solo dal punto di vista degli spazi, ma come condizione dell’intelligenza e dell’immaginario, dall’altro una ricerca sull’espressività che trova nei titoli comuni delle opere, “Verso l’angelo”, un innovativo itinerario sulle mutazioni contemporanee.

L’abilità tecnica di questi due artisti è innegabile, sia nei disegni e dipinti che nelle loro enigmatiche e intriganti sculture, realizzate con materiali semplici e dai risultati immaginifici straordinari. Nelle pitture Maria Carla Mancinelli avendo affinato sempre più la sua tecnica che prevede l’uso di cemento bianco, bitume, pigmenti naturali su tavola, sviluppa paesaggi attraversati da ‘angeli’ pietrificati ed esili, mentre Massimo Melloni ripropone una serie di disegni, realizzati in passato con inchiostro, argilla liquida e acrilico su carta, che paiono raffigurare esseri materializzatisi all’improvviso e imperfettamente. Per le sculture Massimo Melloni usa legno, plastica e carta velina e Maria Carla Mancinelli retino metallico, carta, stoffa, gesso, acrilico.  Massimo Melloni presenta figure di angeli a metà tra il guerriero e il femmineo rifacendosi da una parte a una tradizione antica della figura dell’angelo e dall’altra a figurazioni che evocano l’Angelus Novus di Klee. Mentre Maria Carla Mancinelli propone figurazioni enigmatiche, colte nel momento della loro trasformazione, nel loro difficile tentativo di sviluppare le capacità angeliche.

A cura di Margini e Segni

www.marginiesegni.wordpress.com;

marginiesegni@alice.it

Angelo oscuro legg.

Digital Camera

 

 

 

 

Frammenti de “Il segreto dell’ultimo” a Centrale Preneste Teatro

LOGORuotalibera

PERLACULTURA jpg

 

 

 

 

 

 

PROGETTO “IO LEGGO” A CENTRALE PRENESTE TEATRO 

LABORATORIO “PICCOLI LETTORI MUTANTI”

IMMAGINI E FRAMMENTI DELLE  B. U. T. ” (BREVI UNITA’ TEATRALI)

Argo è intento aleggere la sua parte

ARGO RIPASSA LA SUA PARTE SULL’EBOOK DI STEFANIA FABRI PUBBLICATO DA QUINTADICOPERTINA

“Argo era l’Elemento adatto, un Gas di origini nobili, fedele al suo sovrano. Sue caratteristiche principali: calma e capacità di creare atmosfere protettive. Che fosse molto intelligente, Idrogeno ne dubitava, ma era soprattutto incapace di nuocergli, e questo gli sembrava  assai importante. Felice di questa idea, Padre Idrogeno convocò Argo. Argo si presentò immediatamente, leggero, compito, con voce fresca e squillante, leggermente femminea:“Idrogeno, Signore degli Elementi, mi hai forse chiamato?”.“Diamine sì, sto per affidarti una missione speciale della massima importanza”. “Questo mi solleva, Sire. Cominciavo ad annoiarmi”. “Non sollevarti troppo, altrimenti svanirai nell’etere e io non saprò più come riacchiapparti”. “Diventerò pesante, Signore, se necessario”.“Non dire sciocchezze e ascolta attentamente: tu devi scoprire il segreto dell’ultimo…”.

Idrogeno e Tantalia

PADRE IDROGENO CONVOCA TANTALIA (L’EBOOK CONTIENE TRE PISTE DI LETTURA CON ALL’INTERNO VARIE ALTERNATIVE DI PERCORSO):

“Padre Idrogeno decise di convocare Tantalia. Era una scelta davvero originale. Quella ragazza faceva parte della famiglia dei Metalli del blocco D, quaranta Elementi la cui maggior parte di transizione, quindi poco affidabili. Era figlia di Berillio, Metallo di carattere leggero e di temperamento fragile, ma Idrogeno sapeva che sua figlia era molto intraprendente e saggia e per quanto questa scelta fosse la più azzardata per un anziano scorbutico come lui, la trovo più adeguata ad una ricerca così difficile e che comunque doveva avvenire nel Mondo dei Metalli radioattivi. Tantalia si presentò subito, molto affascinante avvolta nella sua tuta lucente sui toni del blu e del grigio, capace di resistere a qualsiasi tipo di corrosione. “Padre del Sistema, eccomi al vostro cospetto! Che cosa vi occorre? In che cosa posso esservi utile?”. “Gentile Tantalia, ti prego di portare i miei saluti a tuo padre. Ma questo lo farai solo dopo aver assolto la missione che intendo proporti…”

Nell’Introduzione alle due BUT, Padre Idrogeno si trova contemporaneamente con i suoi due ‘agenti segreti’: Argo (giallo) e Tantalia (blu)

Idrogeno_Tantalia e Argo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DANZA DEL FUOCO ATTORNO AL VULCANO

IMG_2316

DALL’EBOOK TANTALIA E NATRON:

“Tantalia provò un’immediata ripulsione per quel vanesio e maledisse Padre Idrogeno per quell’incarico insostenibile. Si sforzò di sciorinare subito le sue richieste: “Esimio Natron, sono qui per chiedervi su incarico del Padre del Sistema, quali siano al momento i vostri rapporti con Boro e con gli altri Elementi che lavorano nelle centrali nucleari dei Terrestri.” Dopo le sue parole, la terrà tremò sotto i loro piedi e uno sbuffo di vapore caldo li avvolse con violenza rischiando di soffocare la povera Tantalia, che cominciò a tossire.Natron si protese verso di lei per sostenerla ma Tantalia fece un balzo all’indietro rischiando di precipitare: essere sfiorata dall’imbalsamatore  era l’ultima cosa che avrebbe voluto.

IMG_2323

DALL’EBOOK LA FURIA DI TANTALIA

“E sarei venuta in qui sull’Etna ad  incontrare un Elemento disgustoso come te per scoprire che dovrei parlarne con mio padre?”. Natron rise ancora convulsamente questa volta.“Eh, già, bella mia! Tuo padre è stato segretario di Radio, il cugino di Idrogeno, non lo sapevi?”. “Mio padre non mi dirà mai i suoi segreti. È stato vincolato da Radio ad una riservatezza assoluta…” Tantalia era molto disorientata dalla piega che stava prendendo la sua indagine. “Oh, ma di certo troverai il modo di farlo parlare, se ti trovi in pericolo, non credi?” sghignazzò l’odioso Natron. “Vai al diavolo, imbalsamatore!”

tantalia va sul vulcano_xinyi

Ecco nel disegno di una delle bambine, Tantalia che va sul vulcano in un originale concezione spaziale del sentiero che sale e del fuoco che scende, incombente nei confronti della nostra eroina.

 

 

IMG_2349

 

Intanto i ragazzi che hanno realizzato la parte dei pianeti ( il pallone è un pianeta naturalmente) e dei neutrini si fanno fotografare… 

 

 

christians_buconero

DALL’EBOOK UNO DEI FINALI DI ARGO:

“Signore, – cominciò Argo – non mi è stato possibile chiarire nel dettaglio…”.“Lo so, lo so…” disse Idrogeno interrompendolo.Argo rimase congelato da queste parole. Sapeva già tutto?“So che non è stato facile realizzare la tua missione e che praticamente non hai nulla da dirmi. È vero?”.“Sì, mio Sovrano!”  balbettò Argo. “Non te ne dare pena! Ho trovato io un modo nuovo per affrontare il problema. Nel mio cervello girano ancora elettroni di buona qualità. Non sono rimbambito, come pensano certuni!” e si girò a guardarlo. Argo si sentì improvvisamente libero e leggero, da pesante e congelato che era prima. Calcolò, però, che Idrogeno stesse per combinarne un’altra delle sue. Sicuramente c’erano nuovi guai all’orizzonte. “Guarda qui dentro, Argo” lo incitò Idrogeno mostrandogli il telescopio.“Che cosa c’è, mio Signore?” domandò Argo con voce trepidante. “Tempeste solari, supernove. Questo è il nuovo settore in cui investire.” “Ma per fare che?” chiese ancora Argo. “Diamine, per fare di nuovo bang!” Argo volò via. Non volle più ascoltare il suo pazzo sovrano.

 

Diario della terza giornata del Laboratorio “Piccoli Lettori Mutanti”

LOGORuotalibera

PERLACULTURA jpg

 

 

 

 

PROGETTO “IO LEGGO” – “PICCOLI LETTORI MUTANTI”

Nella terza giornata del nostro Laboratorio a Centrale Preneste Teatro abbiamo cominciato con i bambini e le bambine delle classi IV A e C della scuola elementare Giulio Cesare a preparare i due B.U.T., cioè le nostre brevi azioni teatrali. Cominciamo con il personaggio di Argo e delle scene che lo riguardano. La prima azione teatrale è LA DANZA DEI PIANETI, affidata ai ragazzini e i cui personaggi sono: Padre Idrogeno e Argo e,  il gruppo dei pianeti (terranno un ‘pianeta -palla a testa in mano), la corte dei neutrini.

padre idrogeno_Marta

 

 

 

 

 

 

 

LA PRIMA AZIONE E’ LA DANZA DEI PIANETI

1- I PIANETI GIRANO ATTORNO ALLA REGGIA D I ARGO DOVE SI TROVANO ARGO E IDROGENO E LA CORTE DEI NEUTRINI 

2- I PIANETI SI FERMANO: ARGO E IDROGENO ESCONO DAL GRUPPO E I NEUTRINI SI AGGREGANO

3- I NEUTRINI SI SCATENANO MUOVENDOSI VELOCEMENTE

4 – IDROGENO LI BLOCCA E DECADONO BUTTANDOSI A TERRA

universo_2

I neutrini ovviamente sono piuttosto ribelli e non è facile obbligarli a muoversi disciplinatamente come elementi coordinati…

La seconda azione è quella del VIAGGIO DEI NEUTRINI

Personaggi: neutrini del sole e della biosfera, protoni, fotoni, muoni

  • Si muovono prima i neutrini del sole correndo da un punto all’altro
  • alla corsa dei neutrini verso la terra si uniscono quelli della  biosfera
  • provano a unirsi nella corsa i protoni, ma non riescono ad andare dritti
  • si aggiungono i fotoni che arrivati alla terra si fermano
  • i protoni escono dalla corsa e si aggiungono i muoni
  • arrivano al Gran Sasso e i muoni spariscono
  • i neutrini entrano nel tunnel del Cern

neutrini

protone

fotone

muone

 

 

 

 

 

 

 

 

Il personaggio di Tantalia, seguito dal gruppo delle bambine, invece è alle prese sul vulcano Etna con il personaggio di Natron, elemento che è servito nell’antichità agli egiziani per imbalsamare i cadaveri, come era loro costume.  Quindi lo scenario è il vulcano

Tantalia_ nonid

 

 

 

 

 

 

 

 

vulcano_ludovica

vulcano_chiarab

 

 

 

 

 

 

 

 

LA PRIMA AZIONE DEL GRUPPO DI TANTALIA E’ LA DANZA DEL FUOCO in 4 momenti:

  • 1 – Delimitazione del campo (mettersi in cerchio)
  • 2- Sfregare le dita focaie per produrre le fiamme
  • 3 – Le scintille (braccia che si alzano e si abbassano)
  • 4 – al centro con un braccio teso per le fiamme e dopo l’accensione del fuoco si torna al giro largo                                                                

egizi3

LA SECONDA AZIONE E’ IL CORTEO EGIZIO 

Il corteo assume  diverse posizioni speculari d’immobilità e poi in coppia si muovono :

  • si muovono la prima e l’ultima inventandosi un’azione
  • si muovono altre due: la seconda e la penultima e poi assumono la posizione di profilo
  • si muovono le centrali e assumono la posizione d’immobilità
  • si muovono la terza e la quarta e assumono posizione di profilo

IMG_2164

Diario della seconda giornata del Laboratorio “Piccoli lettori mutanti”

PERLACULTURA jpg

LOGORuotalibera

 

 

 

 

Progetto “Io leggo” a Centrale Preneste Teatro 

Giornata di eclissi di sole e giornata in cui si parla dell’universo e dei vulcani… La nostra seconda giornata di Laboratorio a Centrale Preneste Teatro con i bambini della Scuola elementare Giulio Cesare è stata molto bella!

IMG_2182

 

Come sappiamo Argo, gas leggero, è stato convocato da Padre Idrogeno nella sua reggia: evento a cui i ragazzi hanno dedicato dei bei disegni… e a cui dedicheremo una delle nostre azione teatrale…

Tantalia che parla con Padre Idrogeno_Ludmilla

Argo e Padre Idrogeno che stanno nelluniverso

 

 

 

 

 

Ma siamo andati anche avanti nella lettura dell’ebook leggendo la prima avventura di Argo e la prima avventura di Tantalia. Argo è andato nella Valle dell’Inferno, dove c’è un impianto di soffioni boraciferi, chiamato Serpente di ferro,  a chiedere consiglio a suo fratello Elio, che corre leggero là dentro. Questo è un brano del loro dialogo: ”

elio

 

“Argo! Qual è lo scopo della tua missione? Che vuoi sapere?”. “È stato Idrogeno a convocarmi. Vuole che io prenda informazioni sui Radioattivi”. “I Radioattivi? Dunque è da loro che viene il pericolo!”.“Non lo sappiamo con sicurezza. Idrogeno stesso non lo sa, però li sospetta”. “Ha ragione a farlo. Specialmente i Transuranici sono senz’altro più potenti di lui. Mi sembra impossibile, però, che possano tramare la distruzione stessa del Sistema. Non converrebbe nemmeno a loro. Sono troppo giovani per cavarsela completamente da soli”.

 

Tantalia invece nella sua prima avventura viene inviata sul vulcano Etna, in Sicilia, a interrogare Natron, un carbonato di sodio, molto particolare, che deriva la sua sapienza dagli antichi Egizi che lo usavano per imbalsamare i cadaveri. Natron però che è molto scostante le dice di parlare con suo padre Polonio, cosa che fa infuriare Tantalia…

  Tantalia era emozionata. La vista sulla cima dell’Etna del cratere denominato La Voragine le toglieva il fiato. Il paesaggio privo di vegetazione assomigliava a quello lunare ma nel cratere la lava ribolliva e Tantalia ne era ipnotizzata. La testa le girava, si trovava oltre i 3.000 metri di altezza e poteva vedere anche la distesa del mare come un rifugio che la richiamava alla frescura e al piacere. Intorno a lei si alzavano varie fumarole incandescenti contenenti zolfo e ferro. Sperò che Natron apparisse al più presto, stava per sciogliersi, era pur sempre un Metallo!

Natron e Tantalia

 

 

 

 

 

 

IMG_2173

 

 

 

 

 

 

 

Dopo la lettura abbiamo proposto ai ragazzi di cominciare a studiare come avremmo realizzato le due azioni teatrali che la lettura ci ha ispirato: la scena di Argo nella reggia di Idrogeno nell’universo per i ragazzini del gruppo di Argo e la scena di Tantalia sull’Etna per le ragazzine del gruppo di Tantalia. E allora abbiamo mostrato le foto vere dell’universo realizzate dal Telescopio Hubble della NASA e le foto del vulcano che faranno da sfondo alla nostra azione teatrale e i ragazzi le hanno scelte…

15_un buco nero fotografato dalla NASA

eruzione4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per la prossima volta avremo molti più disegni dei ragazzi e anche la voglia di realizzare i B.U.T (brevi unità teatrali) in questo magnifico teatro destinato al teatro per ragazzi.

IMG_2183

 

Storie di sarti, nasi lunghi e fantasmi benevoli

 

collage fiabe

Mostra di illustrazioni inedite di tre fiabe della tradizione classica

a cura di Stefania Fabri e Maurizio Caminito

Monteverde Living Lab 13 marzo ore 18.00 – 24 aprile 2015

“L’ago” di Luigi Capuana illustrato da Rosalba Catamo

“Il compagno di viaggio” di Andersen, illustrato da Orsola Damiani

“Desiderio e Vezzosetta” di Madame de Beaumont illustrato da Marilena Pasini

La fiaba ha fornito ispirazione a moltissimi autori di tutti i tempi da Barrie a Borges. La fiaba ha saputo essere sia trasgressiva e crudele che rassicurante e consolatoria. Da quella di magia a quella della tradizione orale è sempre stata fonte di interessanti interpretazioni “fantastiche” della realtà, svelandone spesso le ambiguità e la falsità e andando a indagare ogni mistero e ogni segno del destino.

Nella mostra sono rappresentate tre fiabe della tradizione letteraria assai suggestive e anche molto particolari: “L’ago” di Luigi Capuana, illustrata da Rosalba Catamo, “Desiderio e Vezzosetta” di Madame de Beaumont, illustrata da Marilena Pasini e “Il compagno di viaggio” di Andersen, illustrato da Orsola Damiani. Queste fiabe sono state scelte dai curatori come esemplificative di storie in cui il magico si mescola con il noir, il comico si mescola con il fantastico.

La ricerca che proponiamo è quella di costruire una sottile linea di unione tra la fiaba e il racconto moderno, dove il fantastico rende una qualche forma di giustizia alla verità e alla voglia di conoscenza. E sono proprio i luoghi ad essere la maggiore fonte d’ispirazione per gli scrittori del fantastico: dalle case strane agli alberi contorti, dai cimiteri ingrigiti dal tempo alle strade che non finiscono mai. E sono anche i luoghi della città contemporanea che possono sviluppare storie fantastiche dall’effetto sorprendente. Perciò la storia de “L’ago magico” che valorizza la modesta arte del piccolo sarto e che si svolge in una ‘botteguccia’ qualsiasi, ci porta a riconsiderare l’ovvio e il marginale.

Quella di “Desiderio e Vezzosetta”, dove per aver pestato la coda a un gatto si scatena una serie di incredibili vicende tra il comico e il tragico, ci ricorda come la vergogna per i nostri difetti possa causarci gravi danni e come la paura del ridicolo sia alla base di numerosi nostri comportamenti.

Nella fiaba de “Il compagno di viaggio” che esplora il mistero per eccellenza, cioè la morte, la storia si svolge in compagnia di un fantasma riservato ma benevolo e racconta di un terribile sortilegio: il tutto immerso in un’atmosfera ‘noir’, degna di un racconto dell’orrore.  L’avventura comincia in un cimitero e poi continua raccontando di crudeltà di vario genere di fronte a un unico, modesto eroe, il nostro protagonista, che dimostra una semplicità e una rettitudine così naturale da sembrare assurda. Non è molto moderno tutto ciò?

E perché l’editoria contemporanea non torna su queste fiabe mostrandone tutta la modernità ‘filosofica’ ed esistenziale?  E soprattutto perché non interessa più all’editoria per l’infanzia quella capacità attraverso l’illustrazione di svelarne i segreti, i reconditi suggerimenti per un pubblico di tutte le età?

Perché non raccontiamo più fiabe? Perché le vediamo numerose solo al cinema modernizzate in maniera ridicola? Perché questo immaginario meraviglioso e per niente ovvio lo vediamo banalizzato e reso stupidamente moderno, quando è anticamente sapiente? Questi sono i nostri ragionamenti che la nostra mostra ha svelato efficacemente!

Catalogo stampato in proprio a cura di Margini e Segni.

per comunicazioni: marginiesegni@alice.it

 

 

 

DIARIO DELLA PRIMA GIORNATA DI LABORATORIO

LEGGERE INSIEME UN’EBOOK PER RAGAZZI

Il primo giorno del Laboratorio “Piccoli Lettori Mutanti” a Centrale Preneste  abbiamo incontrato per la prima volta le classi di IV elementare della scuola elementare Giulio Cesare (classe IV A e IV C), in tutto 41 bambini ( di cui 17 ragazzine e 24 ragazzini, tutte e tutti molto simpatici). Abbiamo riunito le due classi in due gruppi formati da quelle che avrebbero seguito Tantalia, la protagonista femminile della storia, e da quelli che avrebbero seguito Argo, il protagonista maschile dell’avventura.

Abbiamo visto insieme la presentazione con la spiegazione dell’attività che avremmo realizzato con loro: dove si svolgeva la nostra storia (cioè nel Sistema degli Elementi chimici), chi è Padre Idrogeno, Signore del Sistema degli Elementi, che affida un compito ad entrambi i nostri eroi, cioè  Tantalia, il metallo del gruppo D e Argo, il gas leggero,  e soprattutto come si legge un’ebook che è stato progettato con tanti link e tante alternative nell’andamento della storia.

idrogeno (2)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La cosa bella è che i ragazzi erano pronti e muniti dei dispositivi utili a leggere un ebook! così hanno potuto seguire la lettura dei loro compagni sulla proiezione dal computer con grande attenzione! Che bravi ! E che brave! Così abbiamo iniziato la lettura con grande concentrazione…

011

 

 

 

 

 

 

 

 

005

 

 

 

 

 

 

 

Abbiamo nominato due caposquadra che via via hanno assegnato la lettura ad alta voce anche ad altri loro compagni. Abbiamo concordato poi che per la prossima volta porteranno anche disegni dei nostri eroi: l’intraprendente Tantalia, il garbato e ironico Argo, l’insofferente e collerico Padre Idrogeno.

004

Sono stati realizzati da alcuni bambini i primi disegni, piuttosto significativi. Qui eccone uno su Tantalia che raggiunge il vulcano Etna in Sicilia per incontrarsi con Natron, un elemento imparentato con Boro e tutti gli altri elementi che lavorano nelle centrali atomiche, usato però nell’antichità dagli Egiziani per imbalsamare i cadaveri. Ed ecco un altro disegno su Argo che si trova nell’universo a parlare con il Signore del Sistema degli Elementi, l’elemento più diffuso nell’Universo: Idrogeno.

federicaxu_tantalia che sta volando verso il vulcano

padre idrogeno parla con Argo dell'ultimo segreto

 

 

 

IL PAPPAGALLO MIRACOLOSO TRA ARTE E FIABA

13 IMG_1073

 

                                    L’Arte racconta…”Il pappagallo miracoloso”

                              inaugurazione sabato 13 dicembre 2014 ore 16,00

                                            Stazione di Ottavia – Roma

L’arte racconta…”Il pappagallo miracoloso” è il titolo della mostra che da sabato 13 dicembre  al 6 gennaio, presso la  Stazione di Ottavia, ha dato il via al periodo di festività natalizie. Più di 20 artisti presenti e  la collaborazione di alunni di due scuole  che, con le loro opere, hanno interpretato una storia di fantasia, scritta da Stefania Fabri e ambientata proprio nella Stazione di Ottavia. L’ inaugurazione dell’evento, alle ore 16,00, avverrà alla presenza dell’Assessore alla Cultura Marco Della Porta e di Stefania Fabri.

Il quadrante nord ovest di Roma, attraverso questo inedito luogo, ha potuto mettere in sintonia tanti fattori differenti, dal denominatore comune: offrire cultura partendo da motivazioni che fanno leva su temi sociali. E’ stato possibile realizzare tutto ciò grazie a RFI, al sempre attivo Assessore alla Cultura Marco Della Porta, alla ideatrice e curatrice di questi eventi Simona Sarti, alla Associazione Movimento Artisti Arte per, che hanno intercettato la sintonia esistente tra il  territorio e realtà come le scuole e i singoli cittadini senza limiti di età, in un laboratorio dall’ambizioso progetto che si muove tra artisti e nuove forze emergenti. Una inversa tendenza di impegno e speranza fanno sì che Ottavia testimoni il cambiamento e l’arricchimento della periferia come democrazia culturale .

Artisti partecipanti: Isabella Angelini, Luca Baseggio, Alessandra Bilotta, Carla Cantatore, Roberta Cavagnoli, Norberto Cenci, Eleonora Del Brocco, Armanno Fast Fasteni, Giulia Galatone, Giovanna Gandini, Adriano Gentili, Florian Heymann, Metello Iacobini, Marina Mannoni, Paolo Andrea Pandolfi, Michel Patrin, Elisabetta Piu, Marialuisa Ricciuti, Paolo Ronchi, Simona Sarti, Eugenia Serafini, Grazia Sernia, Caterina Vitellozzi, gli aulunni di una quinta dell’Istituto Comprensivo Parco della Vittoria e gli alunni della sezione verde della Scuola dell’Infanzia ” Camilla Ravera”.

La mostra rimarrà aperta nei giorni 15 – 17 – 19 – 29 dicembre 2014 e 2 gennaio 2015 dalle ore 17,00 alle 19,00 e su appuntamento a: stazioneottavia@nuoviquartieri.it

I lavori degli artisti (collocati su delle basi) e quelli dei ragazzi (appesi alle pareti) erano tutti organizzati in ‘scatole’ e seguivano passo passo il racconto scandito secondo le ‘funzioni’ della fiaba di Propp :l’allontanamento, il divieto, la disubbidienza, la partenza, l’oggetto magico,la prova (o il bivio), l’antagonista, la vittoria, la persecuzione, il compito difficile, il falso eroe, il lieto fine.

7 IMG_1108

6 IMG_1129

 

 

 

11 IMG_1140

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

18 IMG_1092

 

 

 

 

 

 

 

 

 

21 IMG_1102

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

E’ un esperimento molto riuscito e anche un modello virtuoso che riesce ad abbinare l’arte  realizzata dagli artisti, la creatività dei bambini, la fiaba ispirata alle fiabe classiche ma moderna, ambientata in un luogo, vale a dire la stazione ferroviaria di un quartiere periferico, come quello di Ottavia e in più la gente del quartiere, che ha piacevolmente partecipato portando anche dolci e bevande.

15 IMG_1079

16 IMG_1082

 

 

 

 

 

14 IMG_1065

17 IMG_1069

 

 

 

 

 

2 IMG_1115

8 IMG_1144

 

 

 

 

 

 

 

 

RACCONTI FANTASTICI DI VILLA SCIARRA

VIEDEIFESTIVAL

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

EVENTI DI PRESENTAZIONE DEL LIBRO RACCONTI FANTASTICI DI VILLA SCIARRA DI STEFANIA FABRI, ILLUSTRATO DA ORSOLA DAMIANI

in collaborazione
con LE VIE DEI FESTIVAL e con il TEATRO VASCELLO

Il libro raccoglie dodici racconti, scritti da Stefania Fabri e illustrati da Orsola Damiani, che sviluppano un’unica storia, quella dei misteri di Villa Sciarra.Si ispirano alla storia della villa, alle sue fontane, ai personaggi che l’hanno abitata e alle leggende che la rendono un luogo affascinante e pieno di mistero.  È edito da Laboratorio Web per la Cultura che inaugura così la sua attività editoriale con una nuova collana di racconti dedicati a luoghi particolari della città, dal titolo “Genius Loci”, progettata e realizzata in collaborazione con l’Associazione culturale GoTellGo.

I racconti si ispirano alla storia di Villa Sciarra, alle sue fontane, ai personaggi che l’hanno abitata e alle leggende che la rendono un luogo affascinante e pieno di mistero. I protagonisti delle dodici storie sono Taddeo, un ragazzino di dieci anni, intelligente ma anche un po’ ansioso, il fantasma di una ragazzina di dodici anni, Cornelia, che andò sposa giovanissima a un Barberini, antenata di quel Maffeo Barberini che fu costretto a vendere la Villa a un ricco americano. L’altro personaggio fondamentale è la Ninfa Furrina, che si presenta come una ragazza grunge, dispettosa e intrattabile. Ma sarà lei l’aiuto fondamentale per risolvere la maledizione che grava sulla Villa, affrontando anche lo scontro con il temibile Gaionas, antico custode del tempio siriaco.

I giovani lettori potranno “vedere” animarsi le sculture che abitano la Villa e ascoltare i loro racconti, da Pan a Endimione, dai putti ai satiri, dai pavoni alle regine. Alla fine del libro c’è anche la proposta di tre giochi a partire dalle immagini.

Ecco l’indice del libro:

  1. Una principessa a Villa Sciarra: inizio di tutte le storie
  2. Una tartaruga e quattro Sfingi
  3. La ninfa ribelle e il bello addormentato
  4. Storia di un flauto e di angeli senza ali
  5. Storia di un avvelenatore morto di peste
  6. La danza dei mesi e il secondo re
  7. Pavoni e regine
  8. L’inseguimento e i due pastorelli
  9. Garibaldini e francesi
  10. Riunione segreta al Casino Barberini
  11. La maledizione del fuggitivo
  12. Gaionas e i serpenti

Layout 1

APPARENZE (e figurazioni)

Presentazione della mostra “Apparenze” alla Galleria Il Laboratorio a cura  di Stefania Fabri (settembre 2014), organizzata da Margini e Segni

 

20140916_200959

 

20140915_215122

 

 

 

 

 

20140915_214632

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Niente si addice più dei versi di Rimbaud a questi due artisti intelligenti e profondi, nonché abili tecnicamente ma visionari. In “Veglie” il poeta all’inizio dice “È il riposo illuminato, né febbre né languore, sul letto o sul prato”. E conclude “Sogno intenso e rapido di gruppi sentimentali con esseri di tutti i caratteri tra tutte le apparenze.”

Ma tutta la mostra può essere descritta con le parole dei poeti.

“Dall’immagine tesa” alla luce “della memoria fredda e planetaria”

Clemente Rebora ha detto qualcosa che si attaglia bene ai paesaggi apparentemente tranquilli di Maria Carla Mancinelli, in cui possiamo riscontrare la presenza di ‘immagini tese’. Nella sua poesia “Dall’immagine tesa” troviamo una chiave interpretativa: “Dall’immagine tesa/ vigilo l’istante/ con imminenza di attesa – e non aspetto nessuno” e poi: “fra quattro mura/ stupefatte di spazio/ più che un deserto/ non aspetto nessuno”.  È questa l’emozione estetica trasmessa dai dipinti di Maria Carla Mancinelli, realizzati con garze, strati di cemento bianco e bitume: non c’è nessuno da aspettare in questi spazi apparentemente tranquilli. I paesaggi di città geometriche ma intrinsecamente caotiche, rischiarati da una  luna invadente o da un sole pallido emergono dalla creatività di Maria Carla Mancinelli con un’ingannevole senso di calma e di attesa. Come dice Silvia Plath in “The moon and the yew tree”, “La luna non è una porta, ma precisamente una faccia/ bianca come una nocca e terribilmente sconvolta. / Attira il mare come un buio relitto, tranquilla/nell’O della sua bocca spalancata e disperata.” E all’inizio aveva detto “Questa è la luce della memoria fredda e planetaria”. Questa luce straordinaria per essere allo stesso tempo fredda e quieta è la cifra intensa e significativa di queste opere. E anche le piccole sculture sembrano partecipare di questo senso di attesa e di mancanza di aspettative allo stesso tempo, partecipi di una memoria antica, ‘fredda e planetaria’, che ci lascia come risorsa solo una concentrata contemplazione di un caos ordinato e misterioso.

“Figurazioni di un’antichissima libera vita”: Prefiche, Erinni e colonne

Nei “Canti Orfici” Dino Campana evoca qualcosa che Massimo Melloni ha saputo avverare nelle opere di questa mostra: “E allora figurazioni di un’antichissima libera vita, di enormi miti solari, di stragi di orgie si crearono davanti al mio spirito. Rividi un’antica immagine, una forma scheletrica vivente per la forza misteriosa di un mito barbaro, gli occhi gorghi cangianti vividi di linfe oscure, nella tortura del sogno scoprire il corpo vulcanizzato”. Le sue tre grandi Prefiche, così oscure e incombenti sono straordinariamente solitarie e, attorniate dai dipinti, denominati ‘colonne’, configurano uno spazio unico, dove assieme alla reverenza che implicano le tre incombenti figure proviamo anche un senso di ‘teatro’, nella figurazione di un tempio che intende soggiogarci più irridendo alle nostre incertezze che puntando alle nostre paure. E allora ci viene in mente Rudyard Kipling e la sua bella poesia “I creatori di favole”: “Quando tutto il mondo vuol tenere segreto qualcosa, / poiché la Verità è di rado amica della folla,/ Gli uomini scrivono favole, come fece il vecchio Esopo/ Irridendo ciò che nessuno osa nominare ad alta voce.” Così le tre grandi Prefiche assieme alle piccole Erinni attorniate dalle astratte ‘colonne’ e dai lontani ‘orizzonti’ sono lì forse per prenderci in giro, soggiogandoci con il loro rituale astratto.