FORME INVERSE # 2

locandina web

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ACCADEMIA RAFFAELLO  –  URBINO

CENTRO INTERNAZIONALE DI STUDI “URBINO E LA PROSPETTIVA”

ALESSANDRO PANZETTI   FORME INVERSE # 2

A cura di Maurizio Caminito e Stefania Fabri

URBINO / BOTTEGA DI GIOVANNI SANTI 5 – 27 SETTEMBRE 2015

inaugurazione 5 settembre ore 17.30

Nel Rinascimento, o nel caso dei virtuosismi prospettici manieristi e barocchi, la tecnica dell’anamorfismo era usata per nascondere significati riservati solo a pochi iniziati. L’accento in quel caso era posto sull’illusione, su un ordine che manifestava, e allo stesso tempo nascondeva ambiguamente, una componente surreale e a volte esoterica.

La ricerca di Alessandro Panzetti, che in questa mostra nella casa natale di Raffaello si sostanzia attraverso installazioni e ‘quadri’ anamorfici, riguarda le ‘forme inverse’, il cui significato è legato all’ambiguità del segno e alla molteplicità d’interpretazione che il segno stesso può generare. È così che l’architetto Panzetti, che è anche musicista e filmaker, trova un’intelligente e fascinosa sintesi nelle sue ‘opere anamorfiche’. Le installazioni riescono in maniera emblematica a ingannare e disorientare l’osservatore-fruitore. Gli studi realizzati da Alessandro Panzetti sull’uso rovescio della geometria descrittiva gli sono serviti non per descrivere banalmente un oggetto tridimensionale semplificandone la lettura, ma, al contrario, per evidenziare la molteplicità d’interpretazione di un segno bidimensionale se considerato come proiezione su un piano, di uno spazio tridimensionale. Tutto ciò assume un significato metaforico avvincente e ambiguo ancor più se la sperimentazione è applicata anche alla visione binoculare ovvero alle proiezioni stereoscopiche, quelle, da lui definite, “ombre doppie”.

Bottega di Giovanni Santi via Raffaello 57- 61029 URBINO (PU) tel. e fax 0722320105

Orari mostra: 9-12.30; 15-18.30; domenica e festivi: 10-12.30

Per informazioni: studiodoppio@libero.it

PERCORSO DELLA MOSTRA

PIANTA finale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Anamorfosi 01 un’unica anteriore realtà dalla frase di Fernando Pessoa “Sono come una stanza dagli innumerevoli specchi fantastici che distorcono in riflessi falsi un’unica anteriore realtà che non è in nessuno ed è in tutti”
  •  “Anamorfosi 02a”   co-incidenze platoniche facendo riferimento ai due solidi platonici, cubo e ottaedro presenti.
  •   “Anamorfosi 02b”  co-incidenze cinetiche facendo riferimento alla rotazione del ramo che genera i cerchi
  •  “Anamorfosi 03”  doppia simmetria
  •  “Anamorfosi tetraprospettica” facendo riferimento a una sorta di ‘geometria della percezione’
  •  “Ombre doppie“:  ombra doppia, memoria di un cubo 1 (e 2)  e ombra doppia, memoria di un tetraedro 1 (e2) facendo riferimento al fatto  che la loro corretta visione svela un oggetto nascosto, quello che le ha generate.
  • Video e materiali di documentazione

An01correttaOK

 

 

 

 

 

 

 

ANAMORFOSI 01

IMG_5564mini

IMG_5561mini

 

 

 

 

 

 

 

 

ANAMORFOSI 02 A  E ANAMORFOSI 02 B 

Anamorfosi 03-1

Anamorfosi 03-2

 

 

 

 

 

 

ANAMORFOSI 03

 

anam-tetraprospettica

 

 

 

 

 

 

ANAMORFOSI TETRAPROSPETTICA

 

IMG_5514

IMG_5513

 

 

 

 

 

OMBRE DOPPIE

 

Breve biografia di Alessandro Panzetti

_DSF3986

 

 

 

 

 

 

nato a  Roma il 15 dicembre 1949, vive e lavora in via Selva Candida n.311 a Roma

tel. 06/61562605; e.mail: studiodoppio@libero.it

Laureatosi in Architettura nel 1980, Alessandro Panzetti prima di impegnarsi nell’insegnamento delle tecniche artistiche si è distinto nelle attività creative quale il teatro, partecipando alle attività del Teatro Pretesto, incaricato dal Teatroscuola del Teatro di Roma per attività teatrali nelle periferie urbane. Nello stesso tempo ha coltivato le sue capacità nell’ambito musicale, sia sviluppando l’uso di vari strumenti sia con uno studio sulla musica popolare per due anni al Conservatorio di Roma nel corso tenuto da Boris Porena. È stato capace di unire la ricerca prospettica tipica dell’architettura con l’immagine in movimento. Ha realizzato così numerosi film di animazione, che hanno ricevuto premi anche a livello internazionale,  in cui ha sperimentato un linguaggio in grado di unire la ricerca sulle immagini in movimento  ed effetti particolarmente suggestivi dal punto di vista visuale. Ha unito alla ricerca grafica l’abilità nel gestire le innovazioni tecnologiche, cosa che ha realizzato anche nell’insegnamento con i giovani all’Istituto d’Arte di Pomezia. Ha realizzato corsi per il MIUR e ha preso parte a  progetti europei sul cinema d’animazione. Ultimamente ha partecipato a tre mostre:

  • nel marzo 2013 alla Mostra Inthebox4 nella Galleria Margini e Segni di Bracciano  con la realizzazione di una ‘valigia’ artistica piena di materiali  in grado di raccontare la storia di un gruppo teatrale degli anni Settanta;
  • nel maggio 2013 alla Mostra Inthebox All Sessions al Lanificio 159 a Roma;
  • nel giugno 2014 alla Mostra Con il Pretesto del Teatro nello spazio di MoLL- Monteverde Living Lab, Roma, con l’installazione Anamorfosi 01

Nel dicembre 2014 ha realizzato la sua personale nello Spazio 311b a Roma intitolata Forme inverse in cui ha presentato tre installazioni, i suoi studi e le sue videoproiezioni sull’anamorfosi. E ora grazie all’invito dell’architetto Gianni Volpe, amico dei tempi degli studi di architettura, è stato possibile realizzare la mostra arricchita di altri lavori e di nuove riflessioni nel bellissimo spazio dell’Accademia Raffaello a Urbino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

FORME INVERSE: L’ANAMORFOSI TRA ILLUSIONE E SIMMETRIA

cubo additiva_COVER

IMG_5093

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FORME INVERSE

Installazioni, studi, videoproiezioni una mostra di Alessandro Panzetti

a cura di Maurizio Caminito e Stefania Fabri – Spazio 311b, via di Selva Candida, 311b Roma – 20 dicembre 2014 – 2 gennaio 2015

La ricerca di Alessandro Panzetti, che in questa mostra si sostanzia attraverso tre installazioni e un video, riguarda l’anamorfosi prospettica, che viene studiata e realizzata in ‘forme inverse’, il cui significato è legato all’ambiguità del segno e alla molteplicità d’interpretazione che il segno stesso può generare. È così che l’architetto Panzetti, che è anche musicista e filmaker, trova un’intelligente e fascinosa sintesi in tre ‘installazioni anamorfiche’. Nella prima, “Anamorfosi 01”, monumentale, già presentata in anteprima alla mostra “Con il pretesto del teatro”, realizzata nello spazio del Monteverde Living Lab a giugno 2014, un’immagine geometrica bidimensionale dà origine a una complessa struttura spaziale articolata e dinamica. La seconda “Anamorfosi 02”, sospende un ottaedro attorno a una sfera generando suggestive doppiezze e linee di colore. La terza “Anamorfosi 03”, che si sviluppa a terra in figure distribuite nello spazio, ricompone nella visione attraverso lenti anaglifiche da due punti di vista differenti, un cubo, che nella realtà non esiste, ricavandolo da figure geometriche, vere e riflesse.

Le tre installazioni riescono in maniera emblematica a ingannare e disorientare l’osservatore-fruitore. Gli studi realizzati da Alessandro sull’uso rovescio della geometria descrittiva gli sono serviti non per descrivere banalmente un oggetto tridimensionale semplificandone la lettura, ma, al contrario, per evidenziare la molteplicità d’interpretazione di un segno bidimensionale se considerato come proiezione su un piano di uno spazio tridimensionale.

Tutto ciò assume un significato metaforico avvincente e ambiguo.

IMG_5104

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni:

studiodoppio@libero.it;