LA MOSTRA CONFIGURAZIONE #1 A VITERBO

 

CONFIGURAZIONE # 1

13 -21 maggio 2017

Palazzo degli Alessandri, Piazza San Pellegrino, Viterbo

 

A Palazzo degli Alessandri, nello storico quartiere di San Pellegrino nel cuore medievale di Viterbo, ecco la mostra d’esordio del gruppo CO.A.LA, Consorzio Artisti del Lago, dal titolo CONFIGURAZIONE # 1.

Il gruppo, composto da otto artisti legati tra loro da una comune provenienza, il territorio che gravita intorno al lago di Bracciano, nasce come proposta per far conoscere le realtà d’arte che da anni operano in quel territorio. I componenti del Gruppo CO.A.LA.,  Loredana Baldin, Enrico Bertorotta, Annele Giovanetti, Mauro Magni, Maria Carla Mancinelli, Mirna Manni, Massimo Melloni, Gloria Tranchida, artisti diversi, ma uniti dalla necessità di “leggere” il tempo contemporaneo, propongono le ultime realizzazioni del loro percorso artistico confrontandosi tra di loro e con il pubblico in una esposizione di opere pittoriche, sculture e installazioni che esaltano il valore degli spazi. CO.A.LA. nasce dalla felice esperienza della galleria ARTIDEC, un’importante realtà culturale che per anni ha animato la vita artistica di Bracciano. Gli artisti presenti provano a rinnovare l’incontro tra loro, includendo nuove personalità di sicuro valore.

La mostra, che gode del Patrocinio della Provincia di Viterbo, è in programma dal 13 al 21 maggio 2017. L’organizzazione della mostra è a cura di Margini e Segni.

Orari: dal lunedì al venerdì ore 17.00 – 20; sabato e domenica ore 11.00 – 20.00.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dal catalogo della mostra : “Questa creatività artistica, animata da più stili e forme, tutta concentrata sul sentimento del contemporaneo, può realizzarsi concretamente in questo spazio così pieno di storia con artisti accomunati da una ricerca puntuale sul linguaggio. Nelle quattro sale di questo antico palazzo seguiamo un percorso immaginario che ci conduce dalla grande sala con le visioni sul futuro di Massimo Melloni e Maria Carla Mancinelli a quella del camino dove troviamo le fantasie primigenie di Mauro Magni e di Annele Giovanetti. Proseguendo nella sala delle nicchie si confrontano le sculture tribali di Mirna Manni e la tecnica del recupero di Gloria Tranchida. Nella sala vicino alle scale ecco invece le piccole sculture svettanti di Loredana Baldin. Disseminati nei vari spazi ci attendono misteriosi i ‘sassi’ di Enrico Bertorotta.” (SF)

 

Annunci

FORME INVERSE # 2

locandina web

 

 

 

 

 

 

 

 

 

ACCADEMIA RAFFAELLO  –  URBINO

CENTRO INTERNAZIONALE DI STUDI “URBINO E LA PROSPETTIVA”

ALESSANDRO PANZETTI   FORME INVERSE # 2

A cura di Maurizio Caminito e Stefania Fabri

URBINO / BOTTEGA DI GIOVANNI SANTI 5 – 27 SETTEMBRE 2015

inaugurazione 5 settembre ore 17.30

Nel Rinascimento, o nel caso dei virtuosismi prospettici manieristi e barocchi, la tecnica dell’anamorfismo era usata per nascondere significati riservati solo a pochi iniziati. L’accento in quel caso era posto sull’illusione, su un ordine che manifestava, e allo stesso tempo nascondeva ambiguamente, una componente surreale e a volte esoterica.

La ricerca di Alessandro Panzetti, che in questa mostra nella casa natale di Raffaello si sostanzia attraverso installazioni e ‘quadri’ anamorfici, riguarda le ‘forme inverse’, il cui significato è legato all’ambiguità del segno e alla molteplicità d’interpretazione che il segno stesso può generare. È così che l’architetto Panzetti, che è anche musicista e filmaker, trova un’intelligente e fascinosa sintesi nelle sue ‘opere anamorfiche’. Le installazioni riescono in maniera emblematica a ingannare e disorientare l’osservatore-fruitore. Gli studi realizzati da Alessandro Panzetti sull’uso rovescio della geometria descrittiva gli sono serviti non per descrivere banalmente un oggetto tridimensionale semplificandone la lettura, ma, al contrario, per evidenziare la molteplicità d’interpretazione di un segno bidimensionale se considerato come proiezione su un piano, di uno spazio tridimensionale. Tutto ciò assume un significato metaforico avvincente e ambiguo ancor più se la sperimentazione è applicata anche alla visione binoculare ovvero alle proiezioni stereoscopiche, quelle, da lui definite, “ombre doppie”.

Bottega di Giovanni Santi via Raffaello 57- 61029 URBINO (PU) tel. e fax 0722320105

Orari mostra: 9-12.30; 15-18.30; domenica e festivi: 10-12.30

Per informazioni: studiodoppio@libero.it

PERCORSO DELLA MOSTRA

PIANTA finale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Anamorfosi 01 un’unica anteriore realtà dalla frase di Fernando Pessoa “Sono come una stanza dagli innumerevoli specchi fantastici che distorcono in riflessi falsi un’unica anteriore realtà che non è in nessuno ed è in tutti”
  •  “Anamorfosi 02a”   co-incidenze platoniche facendo riferimento ai due solidi platonici, cubo e ottaedro presenti.
  •   “Anamorfosi 02b”  co-incidenze cinetiche facendo riferimento alla rotazione del ramo che genera i cerchi
  •  “Anamorfosi 03”  doppia simmetria
  •  “Anamorfosi tetraprospettica” facendo riferimento a una sorta di ‘geometria della percezione’
  •  “Ombre doppie“:  ombra doppia, memoria di un cubo 1 (e 2)  e ombra doppia, memoria di un tetraedro 1 (e2) facendo riferimento al fatto  che la loro corretta visione svela un oggetto nascosto, quello che le ha generate.
  • Video e materiali di documentazione

An01correttaOK

 

 

 

 

 

 

 

ANAMORFOSI 01

IMG_5564mini

IMG_5561mini

 

 

 

 

 

 

 

 

ANAMORFOSI 02 A  E ANAMORFOSI 02 B 

Anamorfosi 03-1

Anamorfosi 03-2

 

 

 

 

 

 

ANAMORFOSI 03

 

anam-tetraprospettica

 

 

 

 

 

 

ANAMORFOSI TETRAPROSPETTICA

 

IMG_5514

IMG_5513

 

 

 

 

 

OMBRE DOPPIE

 

Breve biografia di Alessandro Panzetti

_DSF3986

 

 

 

 

 

 

nato a  Roma il 15 dicembre 1949, vive e lavora in via Selva Candida n.311 a Roma

tel. 06/61562605; e.mail: studiodoppio@libero.it

Laureatosi in Architettura nel 1980, Alessandro Panzetti prima di impegnarsi nell’insegnamento delle tecniche artistiche si è distinto nelle attività creative quale il teatro, partecipando alle attività del Teatro Pretesto, incaricato dal Teatroscuola del Teatro di Roma per attività teatrali nelle periferie urbane. Nello stesso tempo ha coltivato le sue capacità nell’ambito musicale, sia sviluppando l’uso di vari strumenti sia con uno studio sulla musica popolare per due anni al Conservatorio di Roma nel corso tenuto da Boris Porena. È stato capace di unire la ricerca prospettica tipica dell’architettura con l’immagine in movimento. Ha realizzato così numerosi film di animazione, che hanno ricevuto premi anche a livello internazionale,  in cui ha sperimentato un linguaggio in grado di unire la ricerca sulle immagini in movimento  ed effetti particolarmente suggestivi dal punto di vista visuale. Ha unito alla ricerca grafica l’abilità nel gestire le innovazioni tecnologiche, cosa che ha realizzato anche nell’insegnamento con i giovani all’Istituto d’Arte di Pomezia. Ha realizzato corsi per il MIUR e ha preso parte a  progetti europei sul cinema d’animazione. Ultimamente ha partecipato a tre mostre:

  • nel marzo 2013 alla Mostra Inthebox4 nella Galleria Margini e Segni di Bracciano  con la realizzazione di una ‘valigia’ artistica piena di materiali  in grado di raccontare la storia di un gruppo teatrale degli anni Settanta;
  • nel maggio 2013 alla Mostra Inthebox All Sessions al Lanificio 159 a Roma;
  • nel giugno 2014 alla Mostra Con il Pretesto del Teatro nello spazio di MoLL- Monteverde Living Lab, Roma, con l’installazione Anamorfosi 01

Nel dicembre 2014 ha realizzato la sua personale nello Spazio 311b a Roma intitolata Forme inverse in cui ha presentato tre installazioni, i suoi studi e le sue videoproiezioni sull’anamorfosi. E ora grazie all’invito dell’architetto Gianni Volpe, amico dei tempi degli studi di architettura, è stato possibile realizzare la mostra arricchita di altri lavori e di nuove riflessioni nel bellissimo spazio dell’Accademia Raffaello a Urbino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL PARCO SI MOSTRA: ALBERI DOVE CRESCONO QUADRI…

 Mostra permanente organizzata dal Movimento Artisti Arte Per – Galleria Via Monte Giordano di Roma, in occasione del centenario del complesso di S.Maria della Pietà dal 30 maggio nel Parco, coordinamento di Simona Sarti

Locandina Il Parco si mostra 30 maggio 2014

 

 

 

 

 

 

 

Ecco alcuni esempi di come sugli alberi crescano quadri…

Le nostre cornici:

10419487_10152195055268790_6610148883302931701_n

 

 

 

 

Maurizio Caminito “Il tempo è uno spazio vuoto”

1014300_10152195059023790_1917080920441459775_n

 

 

 

 

 

 

Stefania Fabri “La vita va avanti per sempre” con poesia:

“La vita va avanti per sempre”

Restate, perché vi affannate? / c’è sempre il ritorno dell’estate!/ Anche con gli scherzi  del destino/ che vi siete creati come vicino./ Il grande cammino non si fermerà / però il talento creativo vi seguirà, / profumi e segni vi daranno respiro. / Tutto il resto vi prenderà in giro!

(ispirata alla teoria dello scienziato americano Robert Lanza)

DSC01882

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Quella con le foglie è dei ragazzi del COES, quella con gli specchi di Giovanna Gandini

s_DSC01883

 

 

 

 

 

 

 

 

In primo piano Maria Bracaloni, in secondo piano Alessandra Bilotta, in mezzo ragazzi del COES

s_DSC01903

 

 

 

 

 

 

 

Nella Gambarresi e Nella Cavagnoli

s_DSC01922

 

 

 

 

 

 

 

Eleonora Del Brocco

 

 

 

 

 

SFERE D’ARTISTA

ABBIAMO PARTECIPATO ALL’INSTALLAZIONE “SFERE D’ARTISTA’ ORGANIZZATA DA SIMONA SARTI DELLA GALLERIA MONTEGIORDANO AL CARPET PER IL “NATALE IN TRIONFALE” CON DUE NOSTRE CREAZIONI DI MICROARTE E DI MICROEDITORIA… E ANCHE ALL’EVENTO DI CHIUSURA CON LA LETTURA DI ALCUNI RACCONTI BREVI DEL ‘BESTIARIO INNATURALE’….

installazione palle di natale2

QUESTA  E’ LA PRIMA SFERA DI STEFANIA INTITOLATA “GIOCHI E STORIE DI GATTI E CANI”

PALLA DI NATALE_stefi

COMPRENDE:

–  Gioco memory di microeditoria sulle Fiabe classiche con 20 tessere (ecco qui una delle tessere riferita alla fiaba dei Fratelli Grimm “Il pigro Cecco”)

–  vari materiali sui gatti: libretto di micro editoria “Piccole storie di Gatti e di Cani”, Mini illustrazione da colorare di Marilena Pasini(qui rappresentata), Rotolino con Canzoni sui gatti, Gatte curiose: minilibretto di poesie sui gatti;   un vecchio libretto pop up sui gatti (Mondadori).

il pigro cecco_grimm

il gatto e la lumaca

QUESTA E’ LA SECONDA SFERA DI MAURIZIO INTITOLATA “CAMMELLI E CALIFFI”:

PALLA DI NATALE_mau

COMPRENDE:  

–  libretto di microeditoria  con due storie da completare su Cammelli e Califfi (il cammello qui rappresentato è di Marilena Pasini)

–  Cilindro con colori a cera

–  Mini Gioco dell’oca con  vecchi animali di legno dell’Africa e dado

cammello_marilena

LETTURA ALL’EVENTO FINALE CON ALTRI POETI E ATTORI

BESTIARIO INNATURALE, INEDITO DI STEFANIA FABRI:

il Bestiario sottintende un animale preciso ma anche allude molto agli umani e ai loro comportamenti tra il naturale e l’innaturale:

“IL CAMBIAMENTO”

Dove era nato? Forse in una terra di non uomini e non animali, nell’eterno tempo del sogno, dove l’unica legge era il cambiamento, lì doveva essere  nato.

In quella terra, raccontò un giorno, la pelle del canguro si era trasformata in lago, la montagna al tramonto cantava usando i ciottoli e le fronde.

Gli spiriti dei non nati sugli alberi la notte attendevano di potersi trasformare in umani. La luna e il corvo si fermavano ad ascoltare il saggio: l’uomo il cui cervello si diceva che fosse di cristallo di rocca. Egli era ritenuto capace di parlare ad ogni creatura della natura, pietra o animale che fosse.

Ma lui era il più strano di tutti, era diverso da tutti. Non era qualcosa di definito, di classificabile, non rifiutava di frugare nella melma, ma all’occorrenza si comportava come un rettile. Era in grado di stare nell’acqua per ore e se messo alla prova mangiava di tutto anche cose schifose. Era in grado di ascoltare i brividi delle foglie che si lamentavano d’ingiallire.

Sapeva di essere il custode del grande segreto e solo a lui il saggio un giorno lo chiese. E solo a lui raccontò l’orribile frastuono del cambiamento, quando i cieli si rovesciarono per creare la terra.

AUTUNNO: CADONO LE …STORIE

immagine per LOCANDINA  mostra MoLL

Più libri più luoghi

della Fiera Nazionale della Piccola e media Editoria Più libri più liberi  promossa e organizzata dall’Associazione Italiana Editori, in programma da giovedì 5 a domenica 8 dicembre 2013 al Palazzo dei Congressi (www.plpl.it).

 presenta

 IL NUOVO PROGETTO “INTHEBOX/ESPANSIONI” 

di MARGINI & SEGNI

il 3 dicembre 2013 alle ore 18.00

con l’inaugurazione del nuovo spazio MoLL Monteverde Living Lab con la mostra

AUTUNNO: CADONO LE… STORIE

Mostra di Illustrazioni di Orsola Damiani

per le fiabe di Stefania Fabri

logo moll

Via Andrea Busiri Vici 10 Roma

Tratte da LE STAGIONI, la ‘scatola di microeditoria’ del progetto “INTHEBOX” presentato da Margini e Segni al Lanificio 159 lo scorso maggio, le 20 illustrazioni di Orsola Damiani per le fiabe moderne di Stefania Fabri raccontano un personaggio per ogni autunno, inverno, primavera, estate. E così magicamente la Strega dell’autunno non è cattiva come si potrebbe supporre e nella storia del Mago dell’inverno c’è una bambina curiosa di tutto. L’elfo di primavera sembra amichevole ma non lo è, mentre la fata dell’estate desidera essere una ragazza qualsiasi.

Si apre con questa mostra MoLL – Monteverde Living Lab, un nuovo spazio a Monteverde Vecchio, che proporrà mostre, laboratori, incontri, produzione di servizi.  Il concetto base è quello degli ‘strumenti per pensare’ che forniscano cioè la possibilità di esplorare, di sperimentare idee innovative e mettersi alla prova. Questi strumenti d’interazione e di studio riguardano comunità di utenti che vogliano interagire con il territorio e migliorare il modo di stare insieme. Perciò  Monteverde sta per valorizzazione del territorio; Living sta per spazio animato da attività innovative per la partecipazione ai processi culturali;  Lab sta per  Laboratorio, vale a dire ricerca sui linguaggi.

Orari di apertura della mostra:  sab. 7 dalle ore  10.30 alle 13.00; dom. 8/12 dalle 16.30 alle 18.30; mart. 10/12 e giov. 12/12 dalle 16.30 alle 18.30;   Laboratorio sul fumetto per bambini il 14 dicembre ore 10.30 sab.  14/12 dalle 10.30 alle 13.00; dom. 15/12 ore 10.30-13.00. La mostra riaprirà dopo le feste il 14 gennaio 2014.

Info: www.monteverdelivinglab.it;

DENTRO ‘LE STAGIONI’

 

Andiamo a ficcanasare dentro la box di ORSOLA DAMIANI “LE STAGIONI”:

DSCN3495

Ci sono tre libretti scritti da Stefania Fabri e illustrati da Orsola Damiani con delle storie sulle quattro stagioni (sono stampati in copia unica, ma a Orsola piacerebbe diffonderli). Ecco un brano de LA STREGA DELL’AUTUNNO, che si svolge nella brughiera con protagonista un ragazzino ‘troppo studioso’ e una misteriosa figura che ha una brutta fama nel paese…:

“Quella è Annie la strega…” mormorò Walter a Charlie rabbrividendo.

Charlie rispose abbaiando forte e spingendosi avanti contro qualcosa che si muoveva tra la bassa vegetazione della brughiera.

“Ehi, ragazzino, – gridò Annie  con una vociaccia rauca– richiama il tuo stupido cane che sta dando la caccia al mio gatto oppure lo faccio cadere stecchito ai tuoi piedi!” 

“Sì, subito! – rispose Walter- Charlie torna qui!”

Charlie invece abbaiava come un pazzo saltando di qua e di là e non accennava a smettere. Improvvisamente Walter si trovò in braccio un grosso gatto nero, che doveva essere il motivo dell’agitazione di Charlie.

“Basta, Charlie!” gridò Walter, accarezzando il gatto.

Charlie vedendo che il gatto era un amico del padrone si placò e tacque, anche se si vedeva che era gelosissimo.

La strega Annie si avvicinò per riprendersi il gatto e Walter poté vedere che non era così anziana come aveva pensato prima e nemmeno così brutta, solo che era conciata davvero male: gonna pesante nera e maglione nero, capelli arruffati gialli e occhiali scuri, un mantello nero e un cappellaccio storto completava il tutto.

 “Tu sei la strega Annie?” chiese.

 “E tu sei Walter il mammalucco?” rispose acida la strega.

Ma la cosiddetta strega si scoprirà che è solo una persona a cui piace la magia e i racconti sulle Banshee…

autunno-2

IL PRETESTO DEL VIAGGIO ALL’INDIETRO

Condivisione della valigia come box del recupero di una storia degli anni ’70…

DSCN2954

I vari documenti nella valigia come ricerca di un percorso creativo sul teatro e sul vissuto di un collettivo

DSCN2962

 

Nei libri self publishing… un copione teatrale scritto da noi de “La strada di Muu”, documenti sulla vita al Casale di Selva Candida in “Vita in comune”, quello che ci interessava e ci piaceva documentato ne “Il contesto del Pretesto”, il passaggio all’animazione come scelta politica verso il sociale…

libretti

 Vita in comune

Fusco+carriola..

Dai ‘racconti’ contenuti in “Vita in comune”

 I Pionieri scelsero Borgochiaro come loro dimora. Chi cerca un’abitazione scorre accuratamente gli annunci. Chi poi deve trovarla per sé ed anche altre persone si sofferma a considerare solo quelle piuttosto spaziose. E se non ha quattrini da spendere ma idee ambiziose e progetti innovatori può addirittura imbattersi in qualcosa di speciale: non una casa ma un pianeta. Questo pianeta aveva l’aspetto di un casale rustico male in arnese, ma gli occhi dei pionieri che sanno guardare lontano, lo videro come sarebbe stato in futuro.

Da “Il contesto del Pretesto”: primo concerto rock a Caracalla

il primo concerto rock a Caracalla

“La strada di Muu”: Il copione realizzato con la tecnica della ‘scrittura collettiva’, un misto di ricordi d’infanzia, Shakespeare, l’antropologia strutturale, poeti greci…: allestimento minimale

Scan-121010-0013 (2)

Quarto libretto “L’animazione” dove si racconta anche del mitico “Storia di re, draghi, ciarlatani e popolo in rivolta”!…

storiadiredraghi2